Modigliani incompreso mentre era in vita? La prima leggenda da sfatare sul grande artista livornese

Standard

Livorno

Il 24 Gennaio ricorreva l’anniversario  della morte di Amedeo Modigliani avvenuta a Parigi nel 1920.

In tanti hanno voluto ricordarlo. Qualche museo gli ha dedicato un ricordo speciale,molte le immagini delle opere circolate sui social,gli aneddoti,le citazioni  e non sono mancate le solite leggende che davvero non rendono giustizia a questo speciale personaggio della storia dell’arte mondiale.

“Tra i capisaldi delle date e di fatti irrecusabili e di qualche testimonianza degna di credito,scorrono le acque torbide di aneddoti più o meno elaborati..”

Scriveva così Jeanne Modigliani,riguardo le numerose dicerie messe in circolazione sul padre,e in quanto tali,prive di fondamento.Una di queste leggende che ritroviamo molto spesso riguarda la visione di un Modigliani sconosciuto e poco apprezzato alla sua morte.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Le cose ovviamente non stanno così.Grandi omissioni sulla reale storia di questo originale artista le ritroviamo molto spesso  in biografi,o presunti tali,quando affrontano l’argomento delle  esposizioni a cui partecipo’ l’artista,in vita.D’altra parte viviamo in un’epoca nella quale chiunque puo’ pubblicare un libro anche senza essersi documentato adeguatamente sulla storia che si vuol raccontare .

Per cio’ che riguarda le mostre a cui Modigliani partecipo’ questi biografi “spiccioli”si concentrano soprattutto sulla personale che avvenne nel 1917 presso la galleria di Berthe Weill come se fosse l’unico grande risultato da lui ottenuto.Si sottolinea quasi sempre che fu la “sola”esposizione personale dell’artista senza specificare, come dovrebbe fare un corretto storico,che nel periodo di guerra a Parigi dove  Modigliani viveva e lavorava,le esposizioni si svolgevano prettamente in modo collettivo.

220px-Amedeo-Modigliani-berthe-weill-first-oneman-exhibition-nudes-1917-paris-1Non e’difficile per chi e’ al corrente del curriculum modiglianesco capire che chi decise di organizzare una mostra personale aveva una grande considerazione del suo lavoro.Esposizione presso la Weill a parte,la lista delle mostre alle quali Modigliani partecipò  e’ lunga.Dalla partecipazione dell’artista al X Salone d’Automne con otto sculture in pietra nel 1912 non si passa direttamente al 1917.Molti nella cronologia degli avvenimenti  dell’artista come novità nel 1914 registrano l’incontro tra Modigliani e Paul Guillaume come se fosse l’unico evento degno di nota.                                                           12625671_1051556311570522_1071655591_n                                                                           Dall’8 Maggio al 20 Giugno 1914 Modigliani invece partecipa con alcune opere ad una Mostra a Londra presso la Whithe Chapel Art Gallery.

Contemporaneamente nella rivista vorticista “Blast”, Gaudier Brzeska cita Modigliani e poco dopo l’articolo viene ripreso e pubblicato dal New York Times.

Il 20 Agosto le immagini di due opere dell’artista vengono pubblicate a Barcellona dal giornale spagnolo “Revista Nova”.

 

Nel Novembre del 1915 Paul Guillaume riesce a inviare diverse opere presso la Modern Gallery, 500 Fifth Avenue di New York.Tra queste, 24 opere sono di Modigliani di cui circa venti disegni,qualche dipinto e due sculture in pietra.                                                                                                                                                   

Nel Dicembre dello stesso anno l’articolo “La Vie Artistique” è pubblicato in francese sul New York avanguardia 291 e il periodico cita Modigliani

All’inizio del 1916 escono a Londra e New York alcune ristampe dell’articolo “Vortex”,di Gaudier nel quale si parla anche delle opere di Modigliani.In Febbraio l’articolo di Jacob, “La Vie Artistique” è pubblicato in francese nel periodico di New York Dada 291. L’articolo dedica un paragrafo a Modigliani

Nel mese di Marzo la stilista Germaine Bongard che si occupava anche di organizzare mostre,inaugura un’esposizione di opere d’arte,tra le altre opere, vengono esposti disegni di Modigliani

Maggio 1916:appare a Zurigo una raccolta letteraria e artistica Dada “Cabaret Voltaire” nella quale viene pubblicato un ritratto di Modigliani.

Giugno 1916:Mostra al Cabaret Voltaire di Zurigo comprende opere di  Modigliani,Arp, Marcel Janco, Auguste Macke, Nadelman e Picasso……

nel Luglio 1916  si inaugura una mostra  presso il Salon d’ Antin , sponsorizzata da Poiret , vengono presentate opere di Modigliani,De Chirico , André Derain , Van Dongen , Raoul Dufy , Roger de la Fresnaye , Othon Friesz , Valentine Gross , Halvorsen , Frank Burty Haviland , Henri Hayden , Kisling , Léger , Matisse, Chana Orloff , Manuel Ortiz de Zarate , Picasso , Georges Rouault , Severini e Vassilieff , tra gli altri. La mostra riceve grande attenzione dalla stampa.

Agli inizi del mese di Novembre la rivista

IMG_20160125_221257

ritratti di Amedeo Modigliani dei compagni Matisse e Picasso pubblicati dalla rivista Dagbladet credit photo Kenneth Wayne

norvegese Dagbladet pubblica alcuni disegni di Modigliani per pubblicizzare l’esposizione sull’arte francese che si aprirà a Oslo il 22 Novembre presso il  Kunsterforbunderet e che era stata programmata già dal 1915.Tra i partecipanti troviamo tra gli altri Modigliani,Picasso,Matisse.                     12483448_1040759009316919_1783100557_n                                                                                                              Novembre 1916 si apre l’esposizione Lyre et Palette.Evento artistico a cui partecipano Jacob, Kisling, Modigliani, Ortiz de Zarate, Picasso con musiche di Erik Satie

Maggio 1917 Modigliani partecipa ad una mostra collettiva presso la Galleria di Chéron .

2-29 Maggio Modigliani espone per la seconda volta a Zurigo presso l Galleria Dada.

 

Il 15 Maggio presso la galleria di Paul Guillaume si apre una esposizione con dipinti di Cézanne, de Chirico, Derain, Modigliani, Matisse, Picasso .

Il 3 Dicembre viene inaugurata la mostra personale di Modigliani presso la galleria di Berthe Weill.

15-23 Dicembre 1918 vengono esposti a Parigi quattro dipinti di Modigliani presso la galleria di Paul Guillaume insieme a Modigliani esposero De Chirico, Derain, de la Fresnaye, Matisse, Picasso, Maurice Utrillo e Maurice de Vlaminck.

Nel Settembre 1918 un articolo pubblicato sul The Burlington Magazine e’ dedicato a Modigliani.

28 Marzo 1919 :presso la casa d’aste  Hôtel Drouot a Parigi vengono venduti dipinti,disegni di Modigliani, Derain, van Dongen, Dufy, Picasso, Vlaminck e altri provenienti dalla collezione di Eugène Descaves.

Aprile 1919:esposizione di tele di Modigliani Utrillo e Barat presso la Galleria Branger in Rue Cambon,5

15 Luglio:un articolo su Modigliani viene pubblicato su  L’Eventail,rivista di let12483604_1040043842721769_1968096686_nteratura e arte .Ginevra,Svizzera.

 

Agosto 1919 Modigliani espone nove opere presso la Mansard Gallery, Tottenham Court Road a Londra.Con lui espongono tra gli altri Derain, Friesz, Alice Halicka, Hayden, Kisling, Léger, Lhôte, Louis Marcoussis, Matisse, Picasso, Russell, Soutine, Survage, Suzanne Valadon, Vassilieff eVlaminck.

Diverse riviste pubblicano le immagini delle opere di Modigliani.

Alcune opere vengono vendute,qualcuna di queste si possono ammirare oggi presso la Tate Modern di Londra.Nel mese di Settembre un articolo pubblicato sul periodico “The Burlington Magazine “riguarda  Modigliani.

1 Nov-10 Dicembre 1919 Modigliani torna al Salone d’Automne.

Un articolo pubblicato da Picabia riferisce anche la partecipazione di Gleizes, Matisse, Picabia, Vlaminck and Ossip Zadkine.

Dicembre 1919.A New York un gruppo di editori che annovera tra gli altri Richard Aldington, T.W. Earp, T.S. Eliot, Russell Gree, Hamnett, Aldous Huxley, Lewis pubblica diversi disegni di Modigliani.

Abbiamo cercato di riferire alcuni fatti storicamente documentati che riguardano la reale storia dell’arte di Modigliani. Impossibile essere sintetici, poiché le esperienze di mostre,performances  ed episodi di successo sono davvero tanti.Modigliani partecipo’ a mostre internazionali a Parigi,Zurigo,Londra,New York insieme a cubisti,dadaisti,vorticisti e a tutti i maggiori esponenti dell’arte della sua epoca.

Come ha già sottolineato K.Wayne tra molti,è stato oggetto di attenzione da parte di mercanti e critici di tutto il mondo.

Ancora in vita venne citato in tantissime e prestigiose riviste e testate internazionali.Sulle sue opere scrissero i critici più in vista.

Modigliani morì apprezzato come artista in tutto il mondo,vide le sue opere esposte accanto a quelle del tanto amato maestro Cezanne e si godette un’asta con i suoi lavori.Inoltre attraverso le testimonianze di Douglas e Lipchitz,come riporta sempre Jeanne Modigliani, possiamo dire che era benvoluto e stimato anche dai suoi colleghi.E’ arrivato il momento di dire basta alle omissioni sui fatti realmente accaduti o alle esagerazioni che vedono Modigliani “bimbo prodigio” o quant’altro aggiunga qualcosa in più al personaggio .

Per apprezzare l’artista basta leggere semplicemente i fatti  come si sono svolti.

Erika Tamponi e Francesco Tonarini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...